Rapporti armonici tra 432 hz e Natura

Tante volte vorremmo raggiungere uno stato di benessere e quiete mentale e fisica. Forse esiste una risposta:
pare che grandi nomi della musica usassero istintualmente la frequenza a 432 hz, in quanto ritenevano fosse più armoniosa.

Non avevano strumenti scientifici a loro favore per poter dimostrare l'evidenza delle loro affermazioni ma lo avevano capito.
Oggi invece, la tecnologia ci è d'aiuto e abbiamo la conferma scientifica secondo cui la frequenza a 432 Hz interviene beneficamente sul riallineamento dei due emisferi cerebrali, favorendo l’attività della ghiandola pineale, nonché i ritmi cardiaci.

La doppia elica del DNA ha corrispondenze più armoniose con questo tipo di frequenza, al contrario del 440 Hz che provoca carenza di comunicazione tra i due emisferi e tende a creare uno stato di eccitazione, causando disarmonia nell’organismo. Il 440 Hz sembra inoltre essere causa di inquinamento elettromagnetico.

Lo standard "440" fu imposto dalla Germania nazista. Evidentemente già allora erano chiari gli effetti psicofisici del suono e l'obiettivo era scoordinare le menti anche attraverso le vibrazioni delle onde sonore.
I sostenitori dei 432 Hz sottolineano che “il vento vibra a 432, così come il numero dei battiti d'ali delle api quando estraggono il polline dai fiori e lo trasportano all'alveare, come anche il rumore dello scorrere del fiume…” in sintesi, una diretta correlazione armonica tra 432 Hz ed il sistema creativo.
Forse è il caso di allinearsi ed iniziare a vivere in armonia.

Facebook Twitter Google+ Pinterest LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

×

Log in

×

Registrati e teniamoci in contatto!

Registrati alla news letter di Terapia Musicale per rimanere aggiornato su eventi e post del blog.

Leggi il trattamento sui dati personali
Puoi cancellare l'iscrizione alla news letter in qualsiasi momento